Pasta al pesto o ai pesticidi?

Questo post è stato letto 966 volte!

Una recente indagine, condotta dall’associazione Bon a savoir ha permesso di accertare la presenza di pesticidi tossici in alcuni tipi e marche di pasta in vendita in alcuni supermercati svizzeri.
Il sito greenme.it, riporta la notizia specificando che sono state riscontrate sostanze sospette in 15 prodotti e irregolarità in 7 (di cui quattro italiani): Barilla, Reggano, La Pasta di Flavio, Combino, Prix Garantie (Coop), Qualité&Prix (Coop), Denner.
“I produttori, come Manor e Coop, hanno sottolineato che i valori riscontrati sono conformi alle leggi vigenti. Il discount Aldi è certo che i propri spaghetti non rappresentino una fonte di pericolo per i consumatori. Infine, secondo Lidl, le tracce di insetticidi individuate non influenzano per nulla la qualità del prodotto.
Di fronte ai risultati ottenuti, Nicolas Roth, collaboratore scientifico del Centro svizzero di tossicologia umana applicata (Scaht) ha assicurato che non c’è motivo di allarmarsi, in quanto le concentrazioni segnalate sono ben inferiori rispetto alle soglie prefissate.
François Veillerette, portavoce dell’associazione francese Generazioni future per la difesa dell’ambiente, è di parere ben diverso. A suo avviso, le sostanze individuate rappresentano degli interferenti endocrini in grado di nuocere alla salute dei consumatori: anche a basse dosi i pesticidi ingeriti potrebbero rappresentare un problema e probabilmente i limiti di legge andrebbero rivisti”.
Tutti i dettagli si possono leggere sul sito di greenme, linkato all’inizio.

Rassicurante (ma non vi erano dubbi) la bontà e qualità dei prodotti Iris Astra acquistati dai componenti del nostro Gas: qui si possono scaricare le analisi dettagliate alle quali è stata sottoposta la produzione.

0 votes

Leave a Comment

Abbi pazienza: meglio prevenire... *